Serve una Mano? - Polisportiva MASI

Aprile 2021

Terza puntata. Visto che ho fatto un'analisi un po' spietata al sito CSI, mi sembrava giusto parlare anche della concorrenza.

Ho contattato la Polisportiva Masi il 12 gennaio, proponendo una revisione al sito. Mi hanno risposto immediatamente, dicendo che ci stavano già lavorando, quindi mi son fatto da parte. Dopo più di tre mesi, il sito è ancora nelle stesse condizioni. Li avevo ricontattati, senza ricevere risposta, a fine marzo. Ancora niente di nuovo, quindi ecco qui.

Abbiamo gli stessi problemi molto comuni: cache gestita molto male, CDN assente, insomma, piccoli problemi risolvibili. Il layout invece è completamente da rivedere, soprattutto per l'enorme spazio bianco sotto ai contenuti principali, immagino per garantire una navigazione accettabile da diversi schermi. In realtà non è proprio così, e non ce ne sarebbe neppure bisogno.

La home è comunque molto veloce, si carica davvero in fretta, ma considerando che è praticamente vuota non c'è motivo perché non debba farlo. Un problema un po' serio è l'immagine che ci ricorda quanto sia brutta la guerra in Ucraina. Non per l'immagine o per il messaggio, è il comportamento di questa apparizione che è errato.

Questa immagine, con un lightbox che oscura la pagina, viene caricata ogni volta che torniamo alla home. O anche solo se ricarichiamo la pagina. O se andiamo nella sezione Attività Sportive, che curiosamente è in realtà la home - nonostante sia in seconda posizione nel menu di navigazione (terza se contiamo il logo). Basterebbe mostrarla una volta, secondo me. Se poi domani torno sul sito magari mostramela di nuovo, ma una volta al giorno è sufficiente. I cookie servono anche a questo, usiamoli.

Sui colori posso dire che ho visto di peggio, ma ammetto di non gradirli molto. Gusti, ma c'è anche un po' di confusione. Il blu del logo e il blu del menu non sono lo stesso colore, stesso discorso per il verde. C'è un bell'arancio salmone, usato troppo poco forse, ma non è chiara la funzione di questa tinta.

Il menu presenta molti molti problemi. Il testo è in grassetto per la voce attuale e per un hover anni '90, e sposta tutte le voci al passaggio del cursore. C'è anche un sotto-menu che anziché utilizzare una tendina, appare e scompare. Letteralmente. Descrivere a parole il bizzarro comportamento di questo blocco non è facile, ma ci provo. In alto ci sono tre menu, uno principale, e due per le categorie. Le voci all'interno delle categorie fanno apparire un quarto menu, e l'elemento cliccato rimane in risalto anche se ci spostiamo nell'altra categoria e apriamo un (quinto) nuovo menu. Poi c'è un altro menu sulla sinistra ma non è visibile in tutte le pagine. Nella versione mobile, quest'ultimo menu scompare, mentre gli altri prendono tutta la larghezza. I contenuti della home, che dovrebbero essere la parte importante, collassano lasciando una tabella verde. Nelle altre pagine invece il comportamento è ancora diverso: l'immagine sulla destra, piccola e defilata da desktop, su smartphone assume tutta un'altra importanza. La dimensione fissa della pagina non aiuta su schermi piccoli.

Il layout a dimensioni fisse crea altri problemi in caso di parole lunghe (con testo, di nuovo, a dimensione fissa). Alcune parti finiscono proprio fuori dalla pagina.

Altre due parole sul testo. Oltre ad essere a dimensione fissa, ed estremamente piccolo, nel CSS sono specificati caratteri generici, una pratica abbandonata una decina d'anni fa. Non abbiamo la certezza di come apparirà sullo schermo dei nostri visitatori.

font-family: Verdana, Arial, sans-serif;
font-size: 12px;

Poi, in ordine sparso: vengono utilizzate delle immagini per i collegamenti ai social, anziché degli svg o magari un pratico Font Awesome. C'è una pagina per le impostazioni dei cookie, ma accettare o non accettare ha lo stesso effetto: nessuno. Sparsi per il sito ci sono un paio di pdf dove colori, layout e testo sono completamente scollegati dal sito; se non ci fosse scritto, potremmo pensare che questa cosa non riguarda più la Masi. Vengono inoltre utilizzate immagini dove potrebbero esserci dei vettoriali.

Concludendo, sul sito le informazioni sono molto sparse. Esistono decine di pagine con una sola immagine e con pochissimo testo, la navigazione è complicata per il nidificarsi di menu e sotto-menu e sotto-sotto-menu. Quasi tutto potrebbe essere snellito, creando un numero minore di pagine. Infine moltissime voci, in questi menu, ci riportano alla homepage senza che ce ne rendiamo conto. I breadcrumb che dovrebbero aiutarci a capire dove siamo, molto spesso finiscono col confondere.

La mia proposta è di impostare una homepage con tutte le informazioni importanti, un sito che sia più semplice da navigare, e pagine meno congestionate. Colori più freschi e moderni, e ovviamente coerenti. Layout creato in ottica mobile-first, ricca di immagini e riferimenti utili, e con una parte dedicata alle ultime notizie. È una bozza, come faccio sempre notare, ma potrebbe funzionare meglio ed essere più amichevole.

Non so se tra altri tre mesi il sito sarà ancora così. Speriamo di no. La Masi è un'istituzione qui a Casalecchio, si meritano davvero un sito migliore. Nel caso, sono qui.

sta roba è

ISCRIVITI AL BLOG

Nanni Claudio
via G. Sozzi, 15
40033
Casalecchio di Reno
Bologna
3497787430
C.F. NNNCLD79M15A944Y
P.IVA 03594351201