Blog

dndb

 ddd

cosa

il tema principale di tutta la faccenda è bologna-casalecchio.

bologna e casalecchio sono attaccate, non c’è mai un pezzo di strada senza niente di fianco, ci sono sempre case. se non leggi il cartello non lo sai quando esci o entri in uno dei due posti. bologna è bella e lo sappiamo tutti, questa parte è la più commerciale del progetto, quella facile, anche se vorrei puntare sui posti meno conosciuti.

casalecchio è dove vivo, dove ho sempre vissuto. ad un occhio poco attento potrebbe sembrare la periferia di bologna, in realtà questo paesone nasconde piccole meraviglie. come dice qualcuno, manca solo il mare. c’è un parco immenso, c’è un punto esatto in cui dalla pianura più piatta partono le colline, qui nasce un canale che passa sotto tutta bologna, serviva per far funzionare le industrie un sacco di anni fa. c’è l’ikea..

 

le foto

quasi tutte in esterna, dall’intimo al nudo. ogni modella decide quanto spogliarsi, il topless è caldamente consigliato.

1, verranno eliminate tutte le auto in strada e le persone. l’effetto è di ritrovarti in una piazza perfettamente vuota.

2, un mare di gente che passa, le scie dei fanali delle auto, una roba molto mossa in cui però tu stai ferma e nessuno ti caga.

l’idea generale è quasi di un libro di architettura, o di paesaggistica, ma con delle donne mezze nude. è una specie di piccolo viaggio, un piccolo diario fotografico dove le cose importanti, quelle a fuoco, sono i posti e le modelle. il resto va a farsi friggere. eventualmente, se hai in mente un posto dove ti piacerebbe essere fotografata, dimmelo.

 

pagamento, diritti, info

se decidi di essere pagata subito, dimmi la tua tariffa, potrei anche accettarla. in tal caso però il nostro rapporto finisce lì, fai un lavoro, vieni pagata, e ciao. amici come prima. in fondo al libro ci sarà il tuo nome, ovviamente, ma non aspettarti molto altro.

però
se invece decidi di avere pazienza, la cosa funziona in un modo diverso.
al momento ti verrà rimborsata solamente la spesa che hai sostenuto per arrivare fino allo studio.

verrà avviata una campagna di crowdfounding su kickstarter per la stampa di un libro fotografico. stampa figa, copertina figa, insomma tutta una roba figa. non ti tedio coi dettagli per il momento.

finita la campagna di finanziamento, sperando che si concluda bene, verranno sottratte dall’incasso le spese. con spese intendo sia il costo per la stampa che altre uscite per pubblicità, impaginazione, sito web, eccetera. tutto quello che rimane verrà diviso in parti proporzionali tra i partecipanti, quindi mua, modelle, assistenti, il sottoscritto, e via dicendo.

il totale di queste quote verrà calcolato considerando ogni partecipazione. se partecipi, ad esempio, quattro volte, le tue quote saranno 4. ipotizziamo che una quota corrisponda a 50 eurini, te ne spettano 200. è assicurato comunque un compenso, anche se simbolico, a tutti quanti. ovviamente sempre in caso di campagna finanziata.

verranno anche inclusi i vari perks che spetterebbero solo a chi contribuisce al finanziamento. ad esempio: i digitali di ogni immagine ad alta risoluzione che ti daranno il diritto e la possibilità di pubblicare e condividere il tuo lavoro, un set di cartoline, qualche poster bello grosso, una copia del libro. cose così. in più, non verrà stampato solo il tuo nome in fondo al libro e sotto alle generiche diciture ’truccatori’, o ‘modelle’, ma verranno aggiunti tutti gli eventuali contatti che vorrai fornire, sito web (no, il profilo facebook non è un sito web, ma ok), telefono, decidi tu. nemmeno a dirlo, sarà possibile capire in quali foto hai dato il tuo contributo, con un indice o con una sequenza di numeri. questi sono, al momento, tecnicismi.

il sito per la raccolta fondi è pubblico, liberamente consultabile da chiunque. puoi sempre vedere a che punto è la campagna, quanti soldini sono stati raccolti, quanta gente sta partecipando. la raccolta avrà una scadenza, oltre la quale non sarà più possibile fare molto. chi ha finanziato la campagna vedrà addebitarsi la sua quota solo in quel momento, e solo in caso di campagna completamente riuscita.

 

cosa succede dopo

per ipotesi, il traguardo è raggiungere 10.000 euro in un mese. se funziona, bene. si fanno i conti, e tu vieni pagata per quello che ti spetta. da lì in poi è solo questione di tempo prima di stampare tutto quanto e spedirlo a casa di chi ha finanziato sta cosa.

se non funziona, alla peggio hai lavorato in tf. ti verranno comunque forniti tutti i digitali che ti spettano. alla meglio ti viene riconosciuto un pagamento forfettario (non contarci troppo). ovviamente ti conviene che la cosa funzioni, dovrebbe incentivare anche te nel rendere pubblica la campagna. basta poco, un post su linkedin, un tweet, una roba del genere. non ti chiedo di fare da promoter. oppure si, potrei assumerti solo per fare quello, ma è un lavoraccio.

 

sintesi

se vuoi essere pagata subito, tutto questo discorso non ti interessa, i tuoi soldi li vedi comunque. la contropartita è di non partecipare granché alla riuscita di qualcosa che metta sullo stesso piano mua, modelle, fotografi, e tutte le figure che stanno dietro alla riuscita di una buona foto e all’uscita di un libro, fatto da noi per noi, e per tutte le persone che apprezzano il lavoro che stiamo facendo, al punto di pagare per vederlo diventare qualcosa che possano toccare.

nel caso ti chiedessi se la gente davvero pagherebbe mesi prima di poter avere tra le mani questa cosa, dai un’occhiata e fatti un’idea: kickstarter.

 

riepilogo

• foto di intimo e nudo in esterna
• campagna di raccolta fondi
• pagamento immediato senza bonus oppure pagamento al termine della campagna, in caso di campagna riuscita, con tutti i bonus

se ti interessa, o vuoi più informazioni: